domenica 28 ottobre 2012

Portare l'auto all'estero, in Turchia

Nel sito gestito dal Ministero degli Esteri "Viaggiare sicuri" troviamo le istruzioni dettagliate per portare l'auto all'estero, in questo caso in Turchia. Le riassumiamo qui per una comprensione più semplice e immediata.




PATENTE: Innanzitutto tranquillizzatevi: se il vostro problema era la patente, è tutto a posto. La patente italiana sarà riconosciuta anche a Istanbul.

ASSICURAZIONE: Un discorso più ampio va fatto invece per l'assicurazione. Un'auto immatricolata in Italia deve essere assicurata con la Carta Verde. Cos'è la Carta Verde? E' una copertura assicurativa valida a livello internazionale. All'interno dello spazio economico europeo non serve munirsi di questo documento, mentre nei paesi esclusi è d'obbligo (in Turchia ma anche in Albania, Bielorussia, Bosnia Erzegovina, Iran, Israele, Macedonia, Marocco, Moldavia, Montenegro, Russia, Tunisia e Ucraina). La carta può essere richiesta in Italia direttamente al proprio assicuratore. Portare l'auto all'estero senza la Carta Verde significa acquistare alla frontiera una polizza temporanea. Il documento si può ritirare presso: la sede del TTOK, Automobile Club, a Istanbul o Ankara e Antalya, la frontiera di Kapikule, Ipsala e Derekoy o gli uffici portuali di Izmir (Smirne), Mersin o Iskenderun

IN CASO DI INCIDENTE (corna): Come segnalato dal Ministero, in Turchia i massimali in caso di danni a cose o persone sono molto bassi. Per saperne di più si consiglia di chiedere informazioni dettagliate al Consolato.

DELEGA: Se l'auto in questione non è guidata dal proprietario, è bene portare con sé la delega a condurre firmata dal proprietario e da un notaio. Se la delega è tradotta in turco si evitano eventuali problemi di comprensione in caso di ispezione.

CHI NON PUO' CIRCOLARE: A Istanbul non possono circolare nei giorni feriali dalle 8.00 alle 20.00 i veicoli che pesano più di 7 tonnellate, a meno che non si limitino a passare sulle strade periferiche. Gli autocarri non possono transitare sul vecchio ponte sul Bosforo.

TASSO ALCOLEMICO: In Turchia è tollerato al massimo un tasso alcolemico dello 0,05% (se l'auto ha il rimorchio scende allo 0%). Le sanzioni per chi viene trovato con un tasso di alcool nel sangue superiore al limite consentito, vanno da 537 a 1078 lire turche, con reclusione dai 3 ai 6 mesi.

CINTURE DI SICUREZZA E ALTRO: In Turchia è obbligatorio proteggersi con la cintura di sicurezza nei sedili anteriori. Sotto i 12 anni, i bambini non possono viaggiare davanti. Come in Italia, è obbligatorio essere muniti di triangoli rossi di segnalazione, che in caso di incidente o avaria serviranno a segnalare la propria posizione ai veicoli in transito. All'interno del veicolo devono essere conservati un kit di pronto soccorso e un estintore. Le autostrade sono a pagamento e il limite di velocità è di 120 sebbene venga violato spesso e volentieri.

FONTE: Viaggiare Sicuri

VEDI ANCHE: Ambasciata e Consolati italiani in Turchia

Nessun commento:

Posta un commento

Lavoro per FREE LANCE