lunedì 14 gennaio 2013

Sapphire, visita al grattacielo più alto di Istanbul (foto)

Levent - Panorama dal Sapphire
Visita al Sapphire, il grattacielo più alto di Istanbul. Secondo una classifica che include anche la Russia in Europa, il Sapphire è il sesto grattacielo più alto d'Europa, dopo quattro edifici moscoviti e il Shard London Bridge di Londra. Le foto che vedete in questo articolo sono state scattate da me in una giornata nebbiosa - purtroppo - sebbene siano state appena le due del pomeriggio. In fondo si intravede la linea irregolare grigiastra del Bosforo, che taglia in due la città. L'unica foto rubata dal web è quella che ritrae il grattacielo di notte.

Il quartiere dove è stato costruito il Sapphire è pieno di grattacieli e palazzi super moderni. Levent è considerato il centro finanziario della città, con un'elevata concentrazione di banche e uffici.


Alto 261 metri inclusa l'antenna, il Sapphire ha 54 piani ed è prevalentemente residenziale. Vivere nel tetto della città non costa poco, motivo per cui gli appartamenti del grattacielo non sono accessibili a tutti e danno alloggio tra l'altro ai benestanti che lavorano a Levent.
La sua forma dovrebbe ricordare un libro chiuso capovolto, con le pagine che si piegano verso l'esterno (parola di turchi). Si sviluppa dieci piani sotto il livello della terra, di cui quattro destinati a un centro commerciale e i restanti ai relativi parcheggi.
Il centro commerciale ospita anche un museo delle cere; per pubblicizzarlo sono state posizionate statue di cera di personaggi famosi vicino alle scale mobili di ogni piano. Qui sotto, ecco Leonardo da Vinci, posto a guardia dell'ingresso del centro commerciale. L'ingresso al museo delle cere è di 15 Lire.

Cera di Leonardo da Vinci
Per raggiungere l'ultimo piano del grattacielo e ammirare il panorama, occorre pagare 18 Lire turche a testa. Prima di salire insisteranno per scattarvi una foto (e vendervela) con alle spalle un finto panorama di Istanbul visto dall'alto.
Una volta su troverete un negozietto di souvenir e diversi punti di ristoro sul belvedere, persino un caffè pseudo italiano chiamato "Vista".
Da lì è possibile usufruire dei binocoli e scattare le foto, sebbene siano filtrate da un vetro.
Per liberarvene potrete salire ancora per le scale, accedendo a una timida uscita di sicurezza che conduce in due rampe di scale al 56° piano. C'è un cartello quasi invisibile a indicarlo (vedi foto qui sotto). La terrazza ha un aria un po' dimessa, da cantiere in costruzione.

Panoramic View al 56° piano 
Sopra c'è la carrucola per gli operai che lavano i vetri, una piccola rampa e una bandiera della Turchia. Il panorama toglie il fiato: nelle giornate di sole si vede tutta la città e anche oltre, fino a Bursa, a 100 chilometri di distanza oltre il Mar di Marmara.









Nessun commento:

Posta un commento

Lavoro per FREE LANCE